“Caro piccolo Mario, mentre indossi queste scarpe per la prima volta, non puoi nemmeno immaginare cosa ti regalerà il calcio“. Inizia così la “lettera a sè stesso” che Mario Mandžukić, 35enne ex attaccante di Juventus, Milan, Bayern Monaco, Atletico Madrid e della nazionale croata, ha pubblicato su Instagram – accompagnata da una foto di un paio di scarpette – in occasione dell’addio al calcio giocato annunciato venerdì. Nella sua parentesi italiana Mandžukić ha vinto quattro scudetti e tre Coppe Italia con la maglia bianconera, mentre col club tedesco, nel 2013, ha conquistato una Champions League, una Supercoppa europea e la Coppa del mondo per club. Successi che il campione anticipa a un immaginario sé stesso bambino: “Segnerai gol nelle partire più importanti e vincerai i più grandi trofei con i più grandi club”, scrive.

Con la nazionale croata, inoltre, l’attaccante ha segnato 33 reti in 89 partite, raggiungendo la finale della Coppa del Mondo ai campionati di Russia 2018, in cui la Francia si impose per 4-2. “Rappresentando con orgoglio la tua nazione – continua la lettera – contribuirai a scrivere la storia dello sport croato. Avrai successo perché avrai intorno a te brave persone: compagni di squadra, allenatori, tifosi e familiari, agenti e amici che saranno sempre lì per te. Sarai per sempre grato a tutti loro! Soprattutto, avrai successo perché darai sempre il massimo”.

“Alla fine – conclude Mandžukić – questo è ciò di cui sarai più orgoglioso. Ti sacrificherai molto, ma tutti i momenti incredibili che vivrai ti diranno che ne è valsa la pena. Riconoscerai il momento di ritirarti, di mettere queste scarpe in un armadio e non avrai rimpianti. Il calcio farà sempre parte della tua vita, ma non vedrai l’ora che arrivi un nuovo capitolo. Divertiti! Il tuo grande Mario”. Con un post scriptum: “Se ti capita di giocare contro l’Inghilterra nella Coppa del Mondo, preparati solo intorno al 109° minuto“. Proprio con un gol al termine del secondo supplementare, infatti, Mandžukić trascinò la Croazia alla finale di Russia 2018 battendo in semifinale gli inglesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Demoni, geni, santi e patrioti: la Lazio, l’Italia, la Sardegna e il Sud dipinti nelle pagine della nuova era della letteratura sportiva

next
Articolo Successivo

Bryan Dodien, muore di cancro a 17 anni il giovane talento della Juve: la diagnosi nel 2015. Pogba: “Sei stato forte, un esempio per tutti”

next