L’errore più grande, dice, “è stato lasciare la base aerea di Bagram a luglio: per evacuare tutte queste persone serviva un’area in cui poter controllare la sicurezza, e non è il caso dell’aeroporto di Kabul”. Ma il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, secondo Ian Bremmer – celebre politologo statunitense, fondatore del centro studi Eurasia – ha scontato anche “mancanza di pianificazione, informazioni errate, unilateralismo, una confusa strategia di comunicazione. Il fallimento della guerra – dice in un’intervista al Corriere della Sera non è colpa di Biden, i suoi predecessori hanno una responsabilità maggiore, ma dato che è lui che sta gestendo così male l’evacuazione, questo sarà un grosso problema per lui”.

All’indomani dell’attacco Isis allo scalo aereo che ha fatto (almeno) 90 morti e 150 feriti, Bremmer spiega che ora “aumenta la possibilità che gli Usa si impegnino in rappresaglie, che siano bombardamenti o attacchi con i droni. Sarà molto difficile mantenere le operazioni di evacuazione fino al 31 e cresce il pericolo di un’escalation. I rapporti con i Talebani si deterioreranno molto in fretta”, pronostica. “Sarà difficile mantenere il passo, e man mano che gli americani riducono le truppe diventa più difficile e pericoloso operare. Significa che un enorme numero di afghani che avrebbero avuto il diritto di partire verrà lasciato indietro“. Ma la deadline del 31 agosto per il ritiro, dice, “non verrà posticipata: al contrario, sarà probabilmente anticipata in modo da poter colpire con una rappresaglia”.

Sulla Stampa, invece, l’analista Lawrence Korb – ex assistente segretario alla Difesa e consigliere del Center for American Progress chiede di “annullare la scadenza del 31 agosto, prendere la situazione nelle nostre mani e andare a salvare tutti gli americani rimasti con operazioni speciali, condotte probabilmente di notte con l’elicottero”, perchè “non è più possibile usare le strade. È rischioso, ma non possiamo abbandonarli. Perciò Biden sta parlando con i Talebani, affinché consentano queste estrazioni. L’Isis – spiega – ha attaccato per far saltare i fragili equilibri. La domanda ora è questa: i Talebani sono in grado di fermarli? Se non possono, diventa difficile che siano accettati dalla comunità internazionale, ricavandone i benefici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’appello di un afghano che vive in Italia: “I miei fratellini scappano e hanno paura, aiutatemi a portarli qui. Temo non li lascino più partire”

next
Articolo Successivo

L’Afghanistan rischia di diventare un polo di attrazione per i gruppi terroristici

next