“Tutti i diplomatici che sono ancora all’aeroporto di Kabul lavorano alle operazioni di evacuazione. L’ambasciatore Sandalli è stato il primo a dire di voler restare, ma noi abbiamo fatto una valutazione operativa”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio replicando alle Commissioni esteri e difesa di Camera e Senato rispondendo alle domande di esponenti dell’opposizione che contestavano il rientro dell’ambasciatore italiano. “Abbiamo deciso di prendere il capo missione e portarlo a lavorare all’Unità di crisi della Farnesina e tenere gli operativi sul campo” ha spiegato il ministro. ” In questo momento – ha concluso – in Afghanistan ci sono ancora 32 italiani che non vogliono tornare. Se volessero farlo li evacueremo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Durigon, Conte: “Silenzio di Draghi? Il premier è sensibile su questo tema, sono fiducioso che il caso si possa risolvere”

next
Articolo Successivo

Durigon, il gelo di Giorgetti sul sottosegretario leghista: “Se si hanno responsabilità di governo, bisogna stare molto attenti quando si parla…” – AUDIO

next