La penuria di semiconduttori, che avrebbe dovuto essere provvisoria, continua a funestare l’industria automobilistica. Oggi i dipendenti degli stabilimenti francesi di Rennes la Janais e Sochaux di Stellantis sono stati informati che l’attività produttiva è sospesa a seguito della carenza di microchip. Lo si legge sulla stampa francese. A Rennes la Janais l’arresto delle produzioni durerà da martedì 23 a venerdì 27 agosto, dopo la chiusura di 3 settimane per le ferie estive.

“Un produttore di semiconduttori in Malesia – spiega il sindacalista Laurent Valy della Cfdt, segretario del Comitato Sociale ed Economico dello stabilimento di Rennes – è interessato da un focolaio di coronavirus e il nostro fornitore polacco di Bsi (centraline intelligenti per motori, ndr) non riesce più a consegnarci i pezzi”. Risultano colpiti dallo stesso problema anche i siti di Mulhouse (Francia) ed Eisenach (Germania).

La giapponese Toyota, primo produttore globale insieme a Volkswagen, ha annunciato un taglio del 40% della sua produzione globale proprio a causa della carenza di chip, sebbene sulla decisione della casa giapponese influiscano anche il continuo aumento dei costi dei trasporti marittimi e nuove chiusure dovute alle pandemia. Per la stessa ragione, da lunedì prossimo, la statunitense Ford fermerà la sua linea di assemblaggio di pick up di Kansas City.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fed, Cina e variante Delta, il tris che deprime borse e materie prime. Milano chiude a – 1,6%. Male i titoli del lusso

next
Articolo Successivo

Anche Volkswagen colpita dalla crisi dei semiconduttori. Stabilimenti ripartono ma a ritmo ridotto

next