Il green pass è un incentivo incredibile alla vaccinazione. Tuttavia, rimango stupefatto dal numero di persone disposte a pagare addirittura 500 euro per un green pass falso, perché significa che forse bisognerà mettere qualche controllo. Una legge che non comporta nessun controllo che legge è? Dà l’idea di uno Stato debole e un po’ pasticcione”. Così, a “In Onda” (La7), Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’Università degli Studi di Padova, commenta il provvedimento relativo al green pass obbligatorio, anche alla luce delle recenti dichiarazioni del ministro Luciana Lamorgese.

Il virologo aggiunge: “Il green pass è uno strumento che incentiva la vaccinazione, ma non è una misura di sanità pubblica. Sento molti politici che sostengono che col green pass creiamo ambienti sicuri. Questo non è vero, perché le persone vaccinate si possono infettare e quelle che hanno ricevuto una sola dose possono anche stare male. Quindi, dire che il green pass aumenta la sicurezza nei ristoranti e nei cinema è una bufala pazzesca, ma indubbiamente serve a indurre le persone a vaccinarsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, Locatelli a La7: “Fondamentale coprire anche fascia degli under 12, auspico la validazione. Paure dei genitori? Immotivate”

next
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, polemica Ponti-Paita (Iv) su La7: “Renzi era contrario, collaborai al suo primo programma del 2012”. “Ho i miei dubbi”

next