Un guardacaccia è morto la sera dell’8 agosto scivolando da un dirupo durante un’uscita di servizio. Simone Valli, 18 anni, lavorava alla riserva naturalistica di Valbelviso, non lontano da Brescia. Era stato assunto da poche settimane ed era residente a Teglio, vicino Sondrio. Il suo compito era la vigilanza venatoria. Nell’area possono infatti praticare la caccia solo pochi soci, sempre accompagnati dagli agenti assunti dall’azienda faunistica.

“Era con noi da poco più di un mese”, racconta Daniele Travaini, guardacaccia della riserva naturale val Bondone-Malgina, in territorio comunale di Teglio sulle alpi Orobie. “Aveva intrapreso il suo lavoro, il primo, con grande entusiasmo. Ieri era in servizio con un nostro collega. È scivolato sul terreno forse reso viscido per i forti temporali ed è poi caduto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, vendevano certificati falsi online per centinaia di euro: sequestrati 32 canali Telegram, quattro le persone identificate

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, a Milano intercettata busta con tre proiettili indirizzata al pontefice

next