“Il rammarico c’è, però al collo ho una medaglia e questo era l’importante. Che questo bronzo diventi un punto di partenza per la prossima Olimpiade”, così Antonino Pizzolato dopo aver conquistato la medaglia di bronzo nella finale del sollevamento pesi per la categoria degli 81 kg alle Olimpiadi di Tokyo. “Abbiamo iniziato a lavorare bene, grazie anche a un fantastico staff e a dirlo sono i fatti. Questa medaglia la dedico ai miei nonni e in particolare al nonno con il mio stesso nome, Antonino, e che ho perso poco prima della partenza. Grazie nonno!” , ha dichiarato il 24enne delle Fiamme Oro, che dopo aver sollevato 165 kg nello strappo, record italiano, ne ha sollevati 200 nello slancio provando anche il tutto per tutto con un tentativo sui 210 kg.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tokyo2020, Nespoli arciere d’argento: “Passione nata con Robin Hood”

next
Articolo Successivo

Tokyo2020, Centracchio e Giuffrida bronzo nello judo: “Sul tatami diamo tutto e meniamo forte”

next