I ricercatori del National Institute of Information and Communications Technology (NICT) del Giappone hanno stabilito un nuovo record mondiale di trasmissione dati su lunga distanza, disintegrando il precedente record di 178 terabit: hanno trasferito con successo i dati a una velocità di 319 terabit al secondo.

Il segnale ha viaggiato per 3001 chilometri su fibra ottica, utilizzando un cavo a quattro nuclei con un diametro standard di 0,125mm e raggiungendo i 957 petabit al secondo per chilometro: un record mondiale per le fibre ottiche con diametro esterno standard. Il team, guidato da Benjamin J. Puttnam, ha affermato che l’impresa è stata possibile grazie ad alcuni amplificatori potenziati con elementi rari come tulio ed erbio.

Per contestualizzare questo risultato, BusinessLine afferma che con questo tipo di velocità si possono scaricare circa 60.000 film completi in un secondo, o l’intera libreria Spotify in meno di 3 secondi. Ovviamente sono paragoni inutili, poiché una velocità del genere non si utilizzerebbe negli ambienti casalinghi. Tuttavia ciò che rende ancora più interessante l’impresa dei ricercatori del National Institute of Information and Communications Technology è che hanno utilizzato l’infrastruttura in fibra ottica esistente, quindi il loro metodo può essere integrato nelle infrastrutture mondiali con il minimo sforzo.

Photo Credits: National Institute of Information and Communications Technology
Photo Credits: National Institute of Information and Communications Technology

I ricercatori hanno aggiunto che la fibra ottica a 4 core, con diametro di rivestimento standard, può essere cablata con le apparecchiature esistenti e sperano che consentirà presto una trasmissione pratica ad alta velocità di dati. La nuova ricerca, hanno affermato, contribuirà anche alla realizzazione del sistema di comunicazione backbone, necessario per la diffusione di nuovi servizi di comunicazione Beyond 5G.

Inoltre, i ricercatori hanno affermato che continueranno a sviluppare sistemi di trasmissione a banda larga e a lunga distanza e ad esplorare come possono aumentare la capacità di trasmissione dei cavi SDM già installati in una rete. Non solo, sono anche determinati ad estendere il raggio di trasmissione alle distanze transoceaniche.

Potete trovare tutte le informazioni sull’impresa dei ricercatori del NICT visitando questa pagina, dove si trova il paper intitolato “Dimostrazione del record mondiale: trasmissione a 319Tb/s su 3001 km con fibra a 4 core”. Qui vengono analizzati gli obiettivi raggiunti e i progetti futuri del team di ricercatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Creative SXFI Air Gamer, recensione. Cuffie da gaming di grande qualità

next
Articolo Successivo

Xiaomi Redmi Note 9s, smartphone di fascia media in offerta sul Web

next