La Guardia costiera ha localizzato a 90 metri di profondità l’imbarcazione e i corpi dei migranti dispersi nel naufragio avvenuto fra Lampedusa e l’isolotto di Lampione il 30 giugno scorso. Secondo fonti investigative le persone scomparse sarebbero nove.

Per ottenere il maggior numero di informazioni utili alle indagini degli inquirenti, il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, e il sostituto Maria Barbara Cifalinò hanno disposto che vengano realizzate foto e riprese del relitto e dei corpi trovati nel fondo del tratto di mare.

A seguito del naufragio in cui hanno perso la vita 7 donne di cui una incinta, erano iniziate le operazioni di ricerca e di localizzazione del barcone inabissatosi dopo il naufragio tra le accuse di ritardo dei soccorsi avanzate dalla Ong Sea Watch alla Guardia costiera.

La procura di Agrigento aveva aperto un’inchiesta per l’ipotesi di reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, e il procuratore Patronaggio aveva dato il via libera alle ricerche del barcone e dei corpi dei dispersi attraverso un robot della Guardia costiera. In tutto, 46 persone sono sopravvissute all’incidente, mentre nove risulterebbero i dispersi, fra cui alcuni bambini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cagliari, calci e schiaffi a un rider durante i festeggiamenti per la Nazionale: “Si sono scagliati contro di me”. Sindaco: “Vigliacchi”

next
Articolo Successivo

Milano, grandine distrugge i vetri di decine di auto a Rozzano. Sfondato il tetto del centro commerciale Fiordaliso – video

next