“Ho appena finito di leggere un articolo di Stefano Feltri in cui si dice che io e mia moglie operiamo in una zona grigia, e che in quanto imprenditori, per dire la nostra, da cittadini, dovremmo essere regolamentati“. Sono le parole di Fedez, che ieri sera ha organizzato una diretta per parlare di eutanasia e del disegno di legge contro l’omotransfobia insieme ad Alessandro Zan, Pippo Civati e Marco Cappato. “Trovo assurdo che Berlusconi, da imprenditore, possa fare politica senza che nessuno dica niente. Lo stesso riguarda altri imprenditori, che da sempre dicono la loro, come De Benedetti, Briatore e Montezemolo. Fedez e Chiara Ferragni, invece, per qualcuno, non possono”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voto ai 18enni per eleggere il Senato: ok definitivo alla riforma. D’Incà: “Così le nuove generazioni partecipano alla vita politica”

next
Articolo Successivo

Angelo Del Boca, partigiano contro i ‘mongoli’: ‘Li ricordo bene, ne ho fatti anche fucilare un paio’

next