Due settimane fa aveva compiuto un’aggressione omofoba nei confronti di un ragazzo minorenne che era in compagnia del suo fidanzato. Oggi i carabinieri lo hanno arrestato. In manette è un ragazzo di 19 anni di Bergamo. L’aggressione era avvenuta alla Fara di Bergamo Alta, luogo di ritrovo di molti giovani, tra cui il ragazzo pestato, il suo fidanzato ed alcuni amici. La vittima dell’attacco omofobo era stata dapprima aggredita con un pugno al volto, per poi essere presa a calci fino a perdere i sensi.

Il giovane aveva avuto bisogno di cure mediche in ospedale e dimesso con una prognosi di 6 giorni. Il diciannovenne autore della violenza ha precedenti. “Basta violenza, sì alla Legge Zan subito!” è il messaggio con cui l’Arcigay Bergamo CIVES ha commentato oggi la vicenda. L’aggressore si trova ora nel carcere di Bergamo.

Qualche giorno fa a Roma un uomo aveva insultato due ragazzi che si stavano baciando su un autobus, urlando loro “fate schifo a baciarvi davanti alla gente, mettetevi dietro un angolo”. L’episodio era stato immortalato con un video registrato dalla vittima, un ragazzo di 20 anni, con il cellulare. “Siete due merde; Non vi vergognate per niente, davanti ai ragazzini che ci stanno, insiste l’uomo nel video pubblicato. “Tu ti devi vergognare, non io” era la replica del ragazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 215 sbarcati a Lampedusa in poche ore. In Tunisia e Libia recuperati 57 cadaveri. E la Guardia Costiera ferma una nave di Msf

next
Articolo Successivo

Napoli Pride 2021, migliaia in piazza Dante per i diritti lgbt: segui la diretta della manifestazione

next