Si è imbizzarrito e si è infilato tra due auto, quella della ministra Luciana Lamorgese e quella della sua scorta. Siamo a Firenze, in piazza Signoria. È il 14 giugno e la giornata è molto calda. A un certo punto il cavallo di un ‘fiaccheraio’ (così si chiamano i conducenti di carrozze pubbliche, ndr), si imbizzarrisce e si infila con tanto di carrozza tra le due vetture. Poi si libera e entra nella Loggia dei Lanzi. Lì viene fermato, dopo qualche minuto di panico. Nessuna ferita per l’animale né per i presenti e nessun danno dentro gli Uffizi. Ma l’auto della ministra Lamorgese (che si trovava a Palazzo Vecchio) è stata danneggiata, così come quella della scorta. “È ora di abolire le carrozzelle, introducendo il divieto di circolazione dei veicoli a trazione animale sul territorio nazionale. È una tradizione obsoleta e pericolosa”, il commento del presidente dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), Massimo Comparotto, a La Nazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oggi è un altro giorno, “purtroppo Gianni Bella è morto”: la gaffe agghiacciante di Memo Remigi fa calare il gelo. Serena Bortone reagisce così

next
Articolo Successivo

Un, due, tre… Teatro! Rivedi la diretta di FqMagazine con Marco Baliani e Marta Cuscunà

next