Sport & miliardi

SuperLega, l’Uefa sospende il procedimento disciplinare nei confronti di Juve, Real e Barcellona in attesa dei tribunali ordinari

Sport & miliardi

SuperLega, l’Uefa sospende il procedimento disciplinare nei confronti di Juve, Real e Barcellona in attesa dei tribunali ordinari

SuperLega, l’Uefa sospende il procedimento disciplinare nei confronti di Juve, Real e Barcellona in attesa dei tribunali ordinari

I tre club sono rimasti ad oggi gli ultimi aderenti alla competizione. Il 25 maggio, l'Uefa li aveva messi sotto inchiesta, minacciando loro anche l'esclusione dalla Champions League per due anni

L’Uefa ha sospeso il procedimento disciplinare nei confronti di Juventus, Real Madrid e Barcellona in merito alla loro adesione alla SuperLega. Il tutto, in attesa del giudizio dei tribunali ordinari. I tre club sono rimasti ad oggi gli ultimi aderenti alla competizione che tanto clamore aveva suscitato negli scorsi mesi. Il 25 maggio l’Uefa li aveva messi sotto inchiesta per violazione delle regole della confederazione, minacciando anche l’esclusione dalla Champions League per due anni. Ora il dietrofront: “A seguito dell’apertura di un procedimento disciplinare – recita la nota pubblicata oggi pomeriggio dalla federazione – per una potenziale violazione del quadro normativo Uefa in relazione al progetto della cosiddetta ‘Super League’, la Commissione di Appello Uefa ha deciso di sospendere il procedimento fino a nuovo avviso”.

Come detto, alla base dello stop c’è l’attesa per i giudizi dei tribunali locali. Quello di Madrid, lo scorso 20 aprile, ha disposto una sentenza cautelativa che evita sanzioni nei confronti dei club aderenti alla Super Lega da parte proprio della Uefa. Il primo giudizio è quello che dovrà emanare la Corte di giustizia europea, chiamata ad esprimersi proprio sulla richiesta da parte dei giudici spagnoli di capire se la federazione ha una posizione dominante e di monopolio nel calcio.

Il tutto avviene dopo che la giustizia svizzera ha notificato a Uefa e Fifa il divieto di sanzioni prima di un giudizio dei tribunali ordinari. Le altre nove società che avevano inizialmente aderito alla competizione privata avevano infatti trovato un accordo con l’Uefa dietro il pagamento di una ammenda. Si attendeva una decisione prima degli Europei ed invece tutto viene bloccato.

“L’Uefa prende atto che la decisione di sospendere temporaneamente il procedimento è stata presa dall’organo di ricorso – continua la nota della federazione – a seguito della notifica formale fatta all’Uefa dalle autorità competenti svizzere. Facendo affidamento sull’ordinanza del tribunale, i tre club citati hanno cercato di proteggersi da potenziali conseguenze disciplinari legate al progetto Superlega”.

Immediato però il contrattacco: “Comprendiamo il motivo per cui i procedimenti disciplinari devono essere sospesi per il momento – dice l’Uefa – ma rimaniamo fiduciosi e continueremo a difendere la propria posizione in tutte le giurisdizioni pertinenti. La legittimità dei procedimenti disciplinari sportivi, con il diritto di ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, è stata a lungo riconosciuta come essenziale per l’amministrazione uniforme della giustizia nello sport. L’Uefa adotterà tutte le misure necessarie in stretta conformità con il diritto nazionale e dell’UE affinché la Commissione di Appello sia in grado di riprendere il procedimento disciplinare il prima possibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

meteo