La casa automobilistica francese Renault ha fatto sapere di essere sotto inchiesta per truffa in Francia: l’indagine riguarda la presunta manipolazione dei test sulle emissioni di alcuni motori diesel di vecchia generazione. I veicoli coinvolti sono stati commercializzati negli anni 2009-2011 e 2013-2017. Il tribunale ha disposto il pagamento di una cauzione di 20milioni di euro, di cui 18 serviranno al potenziale pagamento di danni e multe, oltre ad aver ordinato alla società di fornire una garanzia bancaria di 60milioni di euro per il potenziale risarcimento delle perdite.

Renault ha negato qualsiasi illecito, spiegando di aver sempre rispettato i regolamenti francesi ed europei in materia. Secondo la casa automobilistica, le auto che produce non sono dotate di alcun programma o software-truffa che alterino i dispositivi di controllo dell’inquinamento.

Nell’ambito della truffa sulle emissioni di CO2 che ha riguardato diversi costruttori europei, tra cui Volkswagen, nel 2017 la giustizia francese aveva aperto un fascicolo nei confronti di Renault per i motori diesel di vecchia generazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Multinazionali, il compromesso della Ue su rendicontazione di profitti e tasse pagate in ogni Paese: molti paradisi fiscali restano fuori

next
Articolo Successivo

Dieselgate, l’ex ceo di Volkswagen Winterkorn paga 11,2 milioni di risarcimento all’azienda. E i pm chiedono un altro processo

next