E’ successo. Dopo anni di impegno. Dopo anni di fiumi di parole. Dopo decine di interviste cartacee, radiofoniche e televisive. Dopo più di quattrocento post grazie a ilfattoquotidiano.it. Dopo due libri, Vicolo degli Onesti e Il grillo parlante in difesa della sanità pubblica, editi da Linea Edizioni. Dopo il podcast Vicolo degli Onesti. Doveva succedere. Perché spesso mi è sembrato di parlare da solo e di non essere ascoltato. Forse spesso sopportato.

Poi qualcuno ha capito e ha voluto condividere. Si è pensato ad un docufilm con la regista Simona Calo. Ho coinvolto tre pezzi importanti che mi allargassero le spalle. Hanno accettato. Così le idee fondanti del mio percorso di difensore della sanità pubblica e della salute dei cittadini si sono trasformate in parole non più mie, né di chi ha scritto i libri.

Loro ci hanno messo la faccia e mi hanno fatto sentire meno solo percorrendo in bicicletta quel Vicolo del centro di Milano. Piero Chiambretti, Gherardo Colombo e Antonello Soro hanno spiegato con le loro parole il mio pensiero. Per una volta ho capito che avevano capito quello che dico da anni: mi sono espresso nel modo corretto. Loro hanno inteso ed hanno sviluppato il concetto. Li ringrazio dal profondo del mio cuore.

Ne è uscito un pregevole lavoro integrato dalla voce narrante di Raffaella Giuri, autrice dei libri, e dalla musica originale al pianoforte di Silvio Capeccia. Un gruppo che si completa con le persone “dietro le quinte” ma importantissime come Paolo Meroni e Viviana Battista, Gabriele Benozzi e Alessandro Visonà, Laura Caleca.

Ma la cosa che più mi ha reso felice è stato di aver avuto la possibilità di distribuirlo sulla piattaforma del ministero della Cultura fin dal primo giorno di inaugurazione. Quando l’ho visto mi sono sentito come un bimbo, come le prime scene del docufilm in cui percorro in bici con mio fratello la stessa piazza dove abito ora a Milano (destini della vita, come un “ritorno a casa” dopo tanto lavoro faticoso). Riempiamo il Vicolo facendolo diventare una storia condivisa solo dalla parte della sanità pubblica e della salute dei cittadini.

Potete vedere il docufilm qui. Grazie anche a voi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ufo, basta negare a prescindere: il fenomeno esiste e molti filmati lo mostrano

next
Articolo Successivo

Brusca libero: se c’è una legge va rispettata, o la si cambia. Si chiama certezza del diritto

next