“Sarò duro e sincero: il centrodestra non sta affrontando le amministrative a Roma per vincerle, ma per cercare in qualche modo di regolarsi all’interno. Adesso il problema del centrodestra si chiama Giorgia Meloni: sta crescendo troppo e bisogna evitare che le amministrative siano un ulteriore elemento di crescita per la Meloni. Quindi, il primo problema del centrodestra è rompere le scatole su Roma”. Sono le parole dell’esponente di Fratelli d’Italia, Guido Crosetto, ospite di “Coffee break”, su La7.

L’ex parlamentare spiega: “A Roma il centrodestra ha bocciato tutti i candidati che finora ha proposto Giorgia Meloni. Le stanno mettendo i bastoni tra le ruote. Stanno tenendo fermo il pallino su Roma, che è la città che più facilmente il centrodestra potrebbe vincere. Ma questo era già successo l’altra volta: io ricordo che fu Tajani a far saltare l’appoggio alla Meloni. Alla fine Forza Italia s’inventò l’altro candidato, la Meloni rimase da sola a correre su Roma e – continua – la città fu regalata alla Raggi. Quindi, non è una cosa nuova: su Roma si gioca la partita della sopravvivenza di Forza Italia, che non è purtroppo quella di Berlusconi, perché da primo partito riusciva a rinunciare a qualcosa per mettere d’accordo gli altri. Ora invece su Roma Forza Italia vuole in qualche modo esistere e ha la necessità di esprimere un candidato. E infatti ha proposto Gasparri”.

Crosetto chiosa: “Sta quindi succedendo uno scontro all’interno del centrodestra, che si gioca facendo una partita a scacchi sulle candidature delle prossime amministrative. Mi auguro che questo braccio di ferro lo risolvano. Ci vuole non Berlusconi, che purtroppo è invecchiato e non c’è più, ma la mentalità che aveva Berlusconi, cioè quella di dire: ‘Io cedo per qualcosa di più grande, ovvero la coalizione, che è l’obiettivo finale. Non la crescita del mio partito ma del centrodestra’. L’altro tema poi è: per fare che cosa? In che cosa si differenza il candidato del centrodestra da quello del centrosinistra? Come vuole amministrare diversamente Roma, Milano, Torino o Napoli? Qual è l’idea di diversità che c’è? Perché altrimenti sono solo gruppi di potere che si scontrano senza un ideale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani a La7: “Salvini dice che a Fatima si è fatta l’Europa, sarà il quarto mistero che ci è sfuggito. A destra gara a chi la spara più grossa”

next
Articolo Successivo

Lite Santanchè-Landini a La7. “Maledetto reddito di cittadinanza, non riusciamo a trovare lavoratori stagionali”. “Pagateli di più”

next