“Al di là di quello che è la valutazione del blocco dei licenziamenti, oggi si sta discutendo della modalità con la quale superare il blocco. Si è raggiunto un punto di equilibrio, la discussione ora deve partire da lì. L’opinione della Commissione europea non valuta adeguatamente tutte le variabili del caso italiano. Ci sono alcuni elementi di cui non si tiene conto. È più un’analisi retrospettiva che sul futuro”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, a proposito delle critiche della Commissione europea sul blocco dei licenziamenti in Italia, a margine del suo intervento alla XIV edizione del Festival Internazionale del Film Corto ‘Tulipani di seta nera’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ora tocca a voi”: il testimone di Mattarella ai giovani. Il discorso integrale per il 2 giugno, dai morti sul lavoro alla parità di genere

next
Articolo Successivo

Stop incandidabilità per politici condannati e limiti alla custodia cautelare: ecco i referendum sulla giustizia di Lega e Radicali

next