È stato ritrovato senza vita, in un monolocale di Miramare, frazione di Rimini, con un profondo taglio alla gola ha provocato la morte di un 35enne di origini peruviane. A chiamare i soccorsi è stato il coinquilino dell’uomo che, rientrato in casa, lo ha trovato senza vita. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del comando provinciale di Rimini secondo cui l’uccisione del 35enne è avvenuta usando un coltello.

L’allarme è scattato intorno alle 1 di questa notte. Sul posto è poi arrivato anche il magistrato di turno, il sostituto procuratore Luca Bertuzzi, accompagnato dal comandante provinciale dell’arma dei carabinieri di Rimini. In queste ore si stanno vagliando diverse ipotesi, con i militari dell’Arma che stanno interrogando tutti quelli che conoscevano il trentacinquenne peruviano che viveva nel monolocale preso in affitto a Miramare. Sia la vittima, al momento in cerca di occupazione, che il coinquilino, un 30enne che lavora come magazziniere, risultano incensurati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saman Abbas, nei video riconosciuti due cugini con attrezzi da lavoro: salgono a 5 gli indagati per la scomparsa della giovane

next
Articolo Successivo

Benno Neumair parla dal carcere: “Quando ho ucciso mio padre e mia madre ero come uscito dalla realtà, provo un fortissimo pentimento”

next