Il tratto della gentilezza e la cifra della competenza. Sono in tantissimi a ricordare così l’avvocato Angelo Giarda, professore emerito di diritto processuale penale all’Università Cattolica di Milano, e avvocato di fama, legale fra gli altri di Alberto Stasi, dell’allora presidente di fondazione Cariplo Giuseppe Guzzezzi e di Saipem. Il professionista, stimatissimo da colleghi, magistrati e giornalisti, è morto per Covid. Avrebbe compiuti 81 anni il prossimo 1 giugno. Giarda, laureato all’università di Pavia a pieni voti nel 1963, ha cominciato la carriera universitaria percorsa in parallelo all’attività nel foro.

Dopo esperienze a Pavia, Sassari e Trieste, nel 1983 Giarda è stato nominato professore ordinario alla Cattolica di Milano, dove è rimasto fino alla pensione nel 2012. Ha insegnato anche a Castellanza e alla Cattolica ha tenuto per alcuni anni anche la cattedra di Diritto penitenziario. In una delle ultime interviste, lo scorso febbraio a Il Giornale Giarda aveva parlato da “vecchio professore”, come si definiva. proprio della situazione delle carceri e della riforma della giustizia auspicando un impegno del governo ad intervenire “magari ascoltando non solo i magistrati ma anche noi poveri professori”.

Giarda, docente di molti avvocati, è stato ricordato anche in un post su Facebook della Camera Penale di Milano: “Resta indelebile il ricordo della sua passione e competenza e del tratto umano che ha fatto di lui un Maestro per tutti gli avvocati penalisti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini in Lombardia, aprono le prenotazioni per la fascia 50-59 anni: ecco le modalità

next
Articolo Successivo

Covid, muore la 29enne Gloria Mesoraca. Combatteva da tre anni con una malattia neurologica

next