DANIELE BARSANTI ROMANTICO E NOTTURNO – Daniele Barsanti (classe 1990) è un musicista, cantante, autore e compositore toscano. L’ultimo singolo è “Fuori dai locali”, in arrivo un nuovo progetto ancora top secret. Daniele è stato scoperto prima da Saturnino Celani, bassista di Jovanotti, tramite un provino su Soundcloud. Nel 2018, esce “Tu Che Ne Sai”, EP prodotto tra Pisa e Berlino da Petra Magoni. Un anno dopo conosce Diego Calvetti ed inizia la collaborazione con l’etichetta Apollo Records. “Tre persone che hanno creduto in me – ha raccontato Barsanti – e credo che la fortuna sia un valore importante, legato alla vita. Da loro ho imparato che è importante non mollare mai la giostra che gira prima o poi e il momento giusto arriva”. Nel frattempo c’è “Fuori dai locali”: “La notte non riesco a dormire perché non riesco a interrompere la giornata bruscamente. Giravo in macchina con la chitarra in mano quando ho visto una luce accesa da una finestra nel cuore della notte e ho iniziato un viaggio immaginario in musica”. Il prossimo step è un disco “sarà molto nostalgico e romantico c’è tanta notte naturalmente. Per me scrivere le canzoni è cercare di chiarire cosa mi serve veramente dalla vita”. Giudizio: cantautore notturno – Voto 7

FQ New Generation, la nostra rubrica sulla nuova musica da tenere d’occhio: Daniele Barsanti, Iside e Manfredi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rachele Bastreghi: “Tra omofobia e indifferenza viviamo ancora nel Medioevo. I Baustelle? Ci vogliamo bene a distanza e ci ritroveremo”

next
Articolo Successivo

Vasco Brondi a FqMagazine: “L’Italia è maledetta, benedetta, solitaria proprio come una storia d’amore: imperfetta a fatta per stramaledirsi”

next