Hanno insultato e minacciato i medici perché pretendevano di essere vaccinati con Pfizer o Moderna. Una protesta vibrante che ha rischiato di degenerare, tanto che è stato richiesto l’intervento della polizia per riportare la calma dentro l’hub della Mostra d’Oltremare, a Napoli, dove erano stati convocati 4mila cittadini tra i 60 e i 69 anni d’età. “Diversi utenti – riferiscono fonti della Asl Napoli 1 – hanno rifiutato AstraZeneca pur in assenza di validi motivi. Per evitare che la situazione potesse degenerare, visti gli insulti e le minacce verbali agli operatori sanitari, il direttore generale Ciro Verdoliva ha chiesto un intervento delle forze di polizia, peraltro già presenti, al fine di sedare le proteste”.

Ed è stato proprio Verdoliva a definire “gravissimo” quanto accaduto: “Non tollereremo che con tali comportamenti e tali pretese si faccia saltare l’organizzazione di un intero centro vaccinale pensando di poterci costringere a somministrare vaccini diversi da quelli previsti”. La direttrice sanitaria Maria Corvino ha invece ricordato che la vaccinazione con Pfizer o Moderna è possibile solo per cittadini che hanno patologie o condizioni di salute tali da rendere indispensabile la somministrazione del vaccino a m-RNA: “Chi ritiene di essere affetto da patologie per le quali è prevista la somministrazione di vaccino a m-RNA – dice – può iscriversi nelle apposite categorie, diversamente non ci saranno deroghe e nessuna eccezione”.

La direzione strategica dell’Asl Napoli 1 Centro ricorda che “il piano vaccinale prevede la somministrazione del vaccino a m-RNA solo per categorie dedicate puntualmente definite ed elencate. Pretendere la somministrazione di un vaccino a m-RNA al di fuori di queste categorie e dalle indicazioni prescritte dai sanitari non è possibile e di certo non è accettabile alcun comportamento di minaccia o insulto nei confronti del personale sanitario o delle guardie di sicurezza impegnate nello svolgimento del proprio lavoro a servizio dei cittadini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Castello svevo di Oria, gioiello architettonico interdetto al pubblico da 15 anni per un contenzioso tra Comune e proprietà

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 9.116 nuovi contagi con oltre 315mila tamponi: tasso di positività scende al 2,9%. Altre 305 vittime

next