E’ morto a causa di un malore improvviso il professor Luciano Modica, ex rettore dell’università di Pisa, ex senatore dei Ds e sottosegretario all’Università nel secondo governo Prodi. Modica aveva 71 anni, essendo nato a Catania nel 1950.

La carriera universitaria di Modica era iniziata con l’ingresso per concorso alla Normale di Pisa. Allievo di Ennio De Giorgi ed Enrico Bombieri, diventa ordinario all’università di Pisa di analisi matematica a soli 30 anni. Sarà poi direttore di dipartimento e poi rettore per quasi dieci anni, dal 1993 al 2002. In questo periodo è anche segretario e poi presidente della Conferenza dei rettori italiani, la Crui. Ha fatto ricerca e insegnato anche alle università Paris XI, New York, alla Heriot-Watt di Edimburgo e agli atenei di Bonn e Minneapolis.

Abbandona la carriera accademica quando intraprende quella politica, sia pure breve. Nel 2002 si candida alle suppletive per il Senato, nel collegio di Pisa. Il seggio era quello lasciato da Luigi Berlinguer, diventato membro del Csm. Modica fu poi eletto con il 62,2 per cento dei voti. Nel 2006 si ricandida ma risulta secondo dei non eletti. Quando si forma il governo di centrosinistra diventa sottosegretario con delega a Università e Ricerca. La carriera politica proseguirà con l’adesione al Pd, ma nel 2008 non si ricandiderà.

Tra coloro che hanno espresso il proprio cordoglio il segretario del Partito democratico Enrico Letta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi e lo 007 Mancini, per Salvini “è assolutamente normale”: “Ho incontrato decine di esponenti dei servizi. Polemica inesistente”

next
Articolo Successivo

Lombardia, Giulio Gallera riparte dalla presidenza della commissione Bilancio

next