Decine di persone si sono ritrovate questa mattina, sabato 10 aprile, davanti al Pio Albergo Trivulzio di Milano per chiedere, a oltre un anno dall’inizio della pandemia, per chiedere verità su quello che è successo nelle strutture per anziani e delle linee guida chiare per tornare a visitare i propri cari in presenza. “Siamo semplicemente dei familiari disperati che da più di un anno chiedono di rivedere i propri cari in sicurezza”, racconta commossa Roberta Nagero del Comitato Anchise, presente al presidio con Medicina Democratica e altre associazioni. “Non abbiamo più lacrime da versare e non vogliamo essere compatite”, aggiunge Roberta, “chiediamo solo che vengano rispettate e adottate le linee guida per tornare a visitare le persone a noi care di persona. Prima era il Covid a uccidere gli anziani, ora è la solitudine”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati di oggi – 17.567 nuovi casi e 344 morti. Calano ricoveri e terapie intensive

next
Articolo Successivo

Erdogan, la storia ‘amico oggi, dittatore domani’ è molto più vecchia

next