“Non ho mai creduto agli appelli come strumento di pressione politica, ma per il caso di Walter De Benedetto è importante fare un’eccezione”, ha detto Emma Bonino nell’apertura del suo video messaggio inviato oggi al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La senatrice si è fatta portavoce e prima firmataria dell’appello che l’uomo, affetto da oltre 30 anni da una grave forma di artrite reumatoide, aveva rivolto lo scorso 20 ottobre, grazie al sostegno di Meglio Legale, alla massima carica dello Stato. Con il suo appello De Benedetto chiedeva il rispetto del diritto alle cure riconosciuto dalla Costituzione.

Infatti, nonostante la regolare prescrizione di cannabis terapeutica che gli permetterebbe di migliorare la qualità della vita, De Benedetto è stato costretto – come spesso accade – a sopperire alle lacune pubbliche con l’auto-produzione. Una scelta, quella di coltivare cannabis nel proprio giardino, che lo ha portato a essere indagato per coltivazione di sostanza stupefacente in concorso. Da 14 anni, nel nostro Paese è consentito il ricorso alla cannabis terapeutica, ma il fabbisogno è superiore alla produzione e all’importazione del farmaco. In questi mesi, con il sostegno della campagna pubblica per la legalizzazione della cannabis Meglio Legale e dell’Associazione Luca Coscioni, sono stati in molti a sottoscrivere l’appello di De Benedetto che ha raggiunto oltre 20mila firme. Come ricorda Bonino, il paziente è stato “mandato a processo tra dolori inenarrabili“: il prossimo 27 aprile presso il Tribunale di Arezzo si terrà, infatti, l’udienza decisiva sul caso. Si tratta, ha detto Bonino, di una “crudeltà non necessaria. Questi dolori di centinaia di malati nel nostro paese, inutili e crudeli, non devono ripetersi”; e ha concluso rivolgendosi direttamente al Quirinale: “Presidente, se può, quando può, come può, intervenga lei”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Noi caregiver siciliani aspettiamo ancora il vaccino. Caro Figliuolo, qui non ti fai rispettare

next
Articolo Successivo

‘Passo dallo scanner e scatta sempre l’allarme. Vi spiego come è difficile viaggiare quando sei una persona transgender’. La denuncia dell’attivista

next