Ha solo 13 anni ed è entrata in travaglio durante un test di matematica. Siamo in Uganda, dove molte ragazze sono costrette ad abbandonare la scuola a causa delle gravidanze precoci. Molte sono le associazioni umanitarie che lavorano attivamente sul campo per arginare e presto eliminare questo piaga sociale anche perché le ragazze sono spesso vittime di violenza. La storia che arriva della scuola elementare di St Balikuddembe a Buwama la raccontano il Sun e altri giornali inglesi. Il nome della ragazza non si conosce e sarebbe comunque restato anonimo: “È stata lei ad avvisare i sorveglianti dopo 20 minuti dall’inizio del test”, ha detto al Daily Monitor il preside Godfrey Ssemanda. La ragazza è stata portata nel più vicino ospedale e, appena partorito, ha chiesto di tornare in classe: “Quando ho sentito che stavo entrando in travaglio durante il test ho pensato che tutto fosse finito, non volevo perdere quell’esame”, ha detto a NTV. Le sono stati concessi 45 minuti extra e ha finito l’esame: “Sapevo che Dio avrebbe risolto“. Lei e il bambino stanno male. L’infermiera Goreth Mirembe ha confermato che il parto è durato 20 minuti e che sia la ragazza era decisa a tornare in classe. I genitori hanno raccontato che la 13enne è stata messa incinta da un compagno che l’ha adescata durante il lockdown.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, la piccola barca a vela va a sbattere contro il mega yacht di lusso da 460 milioni dollari: le immagini

next
Articolo Successivo

Polizia ferma automobile senza revisione e assicurazione e con una pecora nel bagagliaio

next