In Italia 401.766 bambini e ragazzi sono in carico dai servizi sociali, di questi 77mila risultano essere vittime di violenza e a distanza di cinque anni dall’ultimo bilancio il numero dei maltrattamenti è salito del 14,8% nei 117 comuni già oggetto dell’analisi nel 2015 ma sui dati 2013. Questo il risultato della seconda Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia realizzata da Terre des Hommes e Cismai su mandato dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Lo studio, realizzata tra luglio 2019 e marzo 2020, su dati del 2018, ha coperto un bacino effettivo di 2,1 milioni di minorenni residenti nei 196 Comuni italiani coinvolti e selezionati dall’Istat. “Siamo estremamente orgogliosi di questo lavoro di ricerca sul maltrattamento, che condotto con metodologia scientifica è un unicum nel panorama italiano – dichiara Donatella Vergari, Presidente Terre des Hommes – L’infanzia deve tornare a essere una priorità dell’agenda politica per garantire diritti, protezione e cura a tutti i bambini”

Il 40,7% dei minori subisce forme di maltrattamento legate alla patologia delle cure (incuria, discuria e ipercura), mentre il 32,4% è vittima di violenza assistita. Il 14,1% è invece vittima di maltrattamento psicologico, mentre il maltrattamento fisico è registrato nel 9,6% dei casi e l’abuso sessuale nel 3,5%. Se ad essere seguiti dai Servizi Sociali sono più i maschi, bambine e ragazze sono invece più frequentemente in carico per maltrattamento: sono 201 su 1.000 le assistenze a minori di genere femminile, rispetto ai 186 maschi.

Gli stranieri sono maggiormente colpiti rispetto agli italiani: ogni 1.000 bambini vittime di maltrattamento, 7 sono italiani e 23 stranieri. La nuova indagine ha offerto una novità: sappiamo che i minorenni vittime di maltrattamento multiplo sono il 40,7% e nel 91,4% dei casi il maltrattante va ricercato nella sfera familiare. Il 46,6% delle chiamate ai servizi sociali arriva dall’autorità giudiziaria che interviene per la maggior parte nel Nord Italia. Di fronte a queste segnalazioni, i principali interventi adottati dai comuni sono l’assistenza economica e l’assistenza domiciliare rispettivamente per il 28,4% e 23,9% dei casi, a cui si ricorre molto di più rispetto all’allontanamento del minore dal nucleo famigliare. In totale il collocamento in comunità e l’affido famigliare si attestano sul 35%.

Nell’indagine di quest’anno è stato possibile comparare i dati relativi al maltrattamento sui bambini e gli adolescenti su un campione di 117 comuni che avevano preso parte anche alla prima rilevazione del 2015 che teneva in considerazione i dati del 2013. I numeri raccolti raccontano di un aumento del fenomeno sotto ogni profilo: cresce infatti sia il numero dei minorenni in carico ai Servizi in generale, che di quelli in carico per maltrattamento. Parliamo di un +3,6% di bambini e ragazzi in carico ai servizi sociali in generale e di un +14,8% di bambini e ragazzi in carico perché maltrattati.

(Immagine d’archivio)

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chissà se il prossimo scisma non si consumerà contro l’omofobia della Chiesa ufficiale

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, la Lega ottiene l’ennesimo rinvio in Senato. La legge contro omotransfobia in ostaggio del centrodestra: cosa c’è nel testo e chi si oppone

next