Un uomo di 46 anni di Brugherio, provincia di Monza, è stato arrestato dai carabinieri dopo aver narcotizzato e violentato ripetutamente una donna conosciuta da appena un mese. La 51enne è finita in ospedale a causa delle medicine che era costretta a prendere e ha raccontato i continui abusi subiti. È stata però minacciata di revenge porn e quando è tornata dal 46enne per fermarlo, l’uomo l’ha nuovamente aggredita e stuprata. Grazie all’allarme dei vicini, i carabinieri sono intervenuti e lo hanno arrestato.

La 51enne per oltre un mese è stata costretta con narcotici a subire violenze sessuali, ripresa da una videocamera. Poi la chiamata al 118: la donna lamenta un’intossicazione per una cospicua assunzione di farmaci e calmanti. I carabinieri indagano e la donna, visitata sabato scorso al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza, racconta i continui abusi: farmaci narcotizzanti, violenze e videoriprese.

Lunedì scorso i carabinieri hanno bussato alla porta del 46enne e hanno trovato la donna completamente stordita dai farmaci, impossibilitata a muoversi, che poco prima aveva subito una nuova violenza sessuale. Gli uomini dell’Arma hanno arrestato l’uomo per sequestro di persona, violenza sessuale e revenge porn, portando la donna alla Mangiagalli di Milano. Le indagini, attivato il codice rosso con la Procura della Repubblica di Monza, hanno appurato che la donna era tornata nell’appartamento dell’uomo proprio per chiedergli di impedire la diffusione di un filmato e una volta dentro casa è stata nuovamente aggredita dal 46enne.

Nella casa è stato sequestrato materiale informatico su cui sono in corso approfondimenti investigativi, corde, manette e collari a uso erotico. All’uomo, già in carcere, è stata anche notificata una ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti e violenza sessuale in seguito alla denuncia presentata dalla ex moglie, anche lei vittima di violenze psicologiche, fisiche e di revenge porn con diffusione di materiale sessuale che la ritraeva.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattia Fogarin, il corpo recuperato da un canale di Padova. Il giovane di 21 anni era scomparso dieci giorni fa

next
Articolo Successivo

Bari, ragazza di 17 anni confessa: “Coltellate a un uomo dopo un litigio in strada”

next