La polizia francese sta indagando su un caso di traffico illegale internazionale piuttosto particolare, non sono armi né droga bensì giocattoli e, nella fattispecie, costruzioni della Lego. Stando a quanto riportato dal Guardian, l’indagine è stata lanciata dopo che gli agenti nel giugno scorso avevano arrestato tre persone che stavano rubando scatole di Lego in un negozio di giocattoli a Yvelines, fuori Parigi. Sotto interrogatorio, i tre sospetti avrebbero confessato di far parte di una squadra europea specializzata proprio nel furto di pezzi di Lego, particolarmente ricercati dai collezionisti.

Investire in questi pezzi non è una novità, tuttavia questo mercato di nicchia ha raggiunto numeri stellari con la pandemia. “Le persone hanno più tempo a casa a causa delle restrizioni dovute al coronavirus e il mercato del gioco è esploso. È addirittura più redditizio della droga, spesso abbiamo più di mille vendite di Lego a settimana“, ha spiegato Gerben van IJken specialista di Lego che lavora per una piattaforma di aste online. Ad esempio il set Lego Cafe Corner del valore di 150 euro alla sua uscita nel 2007, è stato venduto l’anno scorso a 2.500 euro. Non solo. Già nel 2005, negli Stati Uniti, un gruppo di donne era stato arrestato dalla polizia per un furto di scatole di Lego dal valore di ben 200 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

18enne dichiarato morto si risveglia poco prima dell’espianto di organi

next
Articolo Successivo

Donna nuda ritrovata dopo un mese dentro ad un tombino: “Risucchiata nelle fogne mentre stavo nuotando”

next