“Non è una pulizia del magazzino dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione dai crediti inesigibili, cosa assolutamente necessaria. Invece di affrontare quel problema il governo sta per fare un condono. La prova? La relazione tecnica prevede un miliardo di coperture“. Vincenzo Visco, ex ministro delle Finanze che a fine anni Novanta creò le agenzie fiscali, non ha dubbi su come vada letta la cancellazione di 61 milioni di cartelle esattoriali fino a 5mila euro risalenti agli anni dal 2000 al 2015 prevista dalle bozze del decreto Sostegni. Se fossero solo poste inesigibili, è il ragionamento, non servirebbe prevedere risorse (a carico di tutti i contribuenti onesti) per coprire il buco nei conti. Di condono per “evasori conclamati” si tratta, dunque. “E per giunta permanente perché stando alla bozza la cancellazione sarebbe poi automatica per ogni ruolo fermo da più di cinque anni. Se passa questa versione avranno vinto Salvini e la cultura anti tasse. Ma le tasse servono per pagare il welfare e i servizi”. In più non risolverebbe il problema, visto che i ruoli cancellati ammonterebbero in valore a meno del 10% del totale. L’alternativa? “Nuove norme per eliminare i ruoli davvero inesigibili. E un dibattito serio sul sistema fiscale: va incentrato sul contrasto all’evasione e su una riscossione che faccia paura, non che sia lì per bellezza”.

Quel magazzino da 1000 miliardi – L’operazione è stata chiesta da Lega e Forza Italia con il benestare del Movimento 5 Stelle, mentre Leu e il responsabile economico del Pd Emanuele Felice si sono opposti parlando appunto di condono, come i sindacati. E oggi sulla stessa posizione si sono schierati i senatori M5s Primo Di Nicola e Gianluca Castaldi. Tutto parte da un problema oggettivo: il valore dei ruoli affidati all’ex Equitalia da Entrate, istituti previdenziali ed enti locali tra 2000 e 2020 e non riscossi supera i 980 miliardi, più di quattro volte la cifra che dovrebbe arrivare in Italia a valere sul Recovery fund. Un record negativo che non ha uguali nel mondo occidentale. E di quei soldi, dovuti da 17,9 milioni di contribuenti, lo Stato non rivedrà quasi nulla: “Ormai esistono solo nominalmente”, ha ribadito in audizione il direttore delle Entrate Ernesto Maria Ruffini. Il 41% fa capo a nullatenenti, falliti o morti, un altro 45% è già stato oggetto di azioni cautelari o esecutive come il fermo della macchina o un pignoramento, senza risultato. Restano 17 miliardi già oggetto di rateizzazione e 74 aggredibili solo sulla carta perché le azioni di recupero sono “inibite o limitate” da norme a tutela del contribuente come l’impignorabilità della prima casa.

In 20 anni recuperato solo il 13% del dovuto – Ma come si è formata quella montagna pari a più di metà del pil? E’ il risultato di un sistema inefficace che, sommato alla scarsa volontà politica, risulta inerme di fronte a quelli che la Corte dei Conti definisce “comportamenti evasivi di massa“: in vent’anni ha recuperato solo il 13% del dovuto (133 miliardi su 1000), con percentuali calanti negli anni come mostra il grafico sotto. E performance pessime soprattutto sulle cifre più alte: dagli intestatari di cartelle sopra i 100.000 euro se ne riscuotono mediamente 2.700. E dire che questa fascia – che non sarebbe oggetto del condono – da sola vale nel complesso oltre 620 miliardi, oltre il 60% del magazzino, e comprende pochi contribuenti “per i quali sarebbe possibile effettuare analisi approfondite“, come ha ribadito la magistratura contabile nell’ultima Relazione sul rendiconto generale dello Stato. Rottamazioni e rateizzazioni degli ultimi anni non hanno migliorato la situazione, anzi: distolgono risorse dalla riscossione ordinaria e molti dopo la prima rata smettono di pagare.

Vietato cancellare i crediti inesigibili – Fin qui la debacle della riscossione. Lo scoglio successivo è un sistema di norme “farraginoso e paralizzante“, spiega Visco, che impedisce di cancellare le cifre palesemente inesigibili. Regole risalenti a quando la riscossione era in mano ai privati prevedono che per ogni credito l’Agenzia delle Entrate Riscossione debba mettere in atto tutte le azioni ipotizzabili, a prescindere dall’ammontare del ruolo e dall’efficacia attesa. Non solo: i termini di presentazione delle comunicazioni di inesigibilità ai creditori sono stati prorogati molte volte rinviando di continuo lo svuotamento del magazzino. “Ma la soluzione è verificare attraverso i sistemi informatici quali posizioni solo inesigibili e stralciare quelle”, continua l’ex ministro, “e nel frattempo cambiare le norme prevedendo che la verifica di esigibilità si faccia subito, come avviene nelle banche, e permettendo, come ci hanno chiesto l’Ocse e il Fondo monetario internazionale, di cancellare via via le cartelle su cui non c’è speranza. Fare tabula rasa di tutte quelle sotto una certa soglia, comprese quelle esigibili, è altra cosa: una sanatoria”. Esattamente il messaggio da non dare, visto che oggi “con l’intelligenza artificiale e i big data, Garante della Privacy permettendo, avremmo gli strumenti per eliminare l’evasione. Se non fosse che il paese è fatto di evasori, di formalismi giuridici”.

Italia viva ha chiesto lo stralcio nel merito – Dalle Entrate nessun commento ufficiale, in attesa del testo definitivo del decreto Sostegni che salvo nuovi slittamenti dovrebbe vedere la luce venerdì. Ma era stato lo stesso numero uno dell’Agenzia Ruffini, in un’audizione dello scorso gennaio, a suggerire che i crediti potessero essere automaticamente cancellati dopo “3-5 anni” dall’affidamento, se i tentativi di recupero sono stati infruttuosi. Sul fronte politico, per ora l’unico partito che si sia detto a favore di una selezione nel merito, per cancellare solo la parte inesigibile e concentrarsi su quel resta, è Italia viva con i deputati Luigi Marattin, Sara Moretto e Massimo Ungaro. Mentre la Lega tifa per un innalzamento della soglia di stralcio da 5mila a 10mila euro per ogni singola cartella, cosa che porterebbe a far piazza pulita anche di debiti fiscali molto corposi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Cartelle esattoriali, la sottosegretaria Guerra (Leu): “Così è peggio di un condono. Vanno cancellate solo quelle davvero inesigibili”

next