“Abbiamo deciso di venire in piazza Affari a Milano per un flash mob simbolico perché la violenza finanziaria ed economica sono le principali cause dei ricatti che hanno distrutto la nostra vita nell’ultimo anno”. Sono le parole di un’attivista del movimento ‘Non Una di Meno – Milano’ in occasione dell’8 marzo, giornata dello sciopero transfemminista globale contro la violenza sulle donne e di genere. Anche ‘Il Dito’ medio in piazza Affari ha l’unghia verniciata di fucsia ed è proprio il dito medio rivolto verso la sede della Borsa il simbolo del flash mob delle manifestanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

8 marzo, oggi il mio pensiero va alle donne che vivono nelle carceri italiane

next
Articolo Successivo

L’8 marzo regaliamo pure mimose, ma nel bigliettino scriviamoci un po’ di storia delle lotte femministe

next