C’è ancora tanto da lottare”. Lo hanno gridato centinaia di donne di fronte al Duomo di Milano in occasione dell’8 marzo. “Con l’inizio della pandemia siamo passati da un femminicidio ogni tre giorni, a uno ogni due – spiega Elena, militante di Non Una di Meno – siamo le più impiegate nei lavori cosiddetti essenziali. Basta pensare che su dieci contagiati da Covid, sette sono donne, e il numero sale a otto nel caso di donne migranti. Siamo così essenziali quando lavoriamo, ma scartabili quando ci ammaliamo. Queste sono solo le punte di un iceberg che è la cultura della violenza che pesa sulle nostre vite da quando nasciamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, corpi di donne per terra: il flash mob di Non una di meno contro il femminicidio – Video

next
Articolo Successivo

Il video-omaggio dell’Anpi che ricorda le battaglie delle donne: “Ma la strada è ancora lunga, ancora tanti diritti non riconosciuti”

next