Era già indagato dalla Procura di Treviso e adesso è stato arrestato con l’accusa di duplice omicidio aggravato per la morte della moglie, Franca Fava, 68 anni, e di un’amica, Fiorella Sandre, 74, rimaste carbonizzate nell’incendio della casa della coppia.

A finire in manette è un uomo di 70 anni, arrestato dai carabinieri per il rogo avvenuto il 10 giugno 2020 a Castagnole di Paese, nel Trevigiano. L’incendio nell’abitazione risultò essere stato appiccato intenzionalmente. L’ordinanza di custodia, emessa dal gip di Treviso, è stata eseguita dai carabinieri di Montebelluna.

Il movente del duplice omicidio, secondo quanto emerso dalle indagini, sarebbe stata la volontà dell’uomo di incassare il premio assicurativo per i danni dell’incendio alla casa e per la morte delle due donne, ipotizzabile in alcune centinaia di migliaia di euro. I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando dei Carabinieri di Treviso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bombe all’Arabia Saudita, indagati per abuso d’ufficio due direttori generali pro-tempore della Uama

next
Articolo Successivo

Milan-Inter, sanzionati 20 tifosi per assembramento al derby. Altri 5 indagati per aggressione

next