Nelle ultime settimane si sono rincorse diverse indiscrezioni sui notebook gaming equipaggiati con le nuove schede video RTX 3000. La nuova lineup è fatta di tre modelli: RTX 3080, RTX 3070 e RTX 3060, differenziati dai corrispettivi desktop dalla dicitura “Laptop”. Le prestazioni delle schede variano al variare del profilo termico configurato dai vari produttori, ma le specifiche tecniche delle schede non cambiano. Nell’MSI GP76 Leopard che abbiamo avuto modo di provare, la RTX 3060 Laptop ha modo di sprigionare tutta la propria potenza senza difficoltà.

Design e caratteristiche

Sotto la scocca del nuovo MSI GP76 Leopard troviamo, a dare man forte alla RTX 3060 Laptop, un processore Comet Lake Intel Core i7-1o870H. Completano la dotazione hardware 16 GB di RAM, un’unità a stato solido da 1 TB Western Digital SN530, una scheda di rete Wi-Fi 6 Intel AX201 e uno schermo da 17,3 pollici, con risoluzione Full HD, frequenza d’aggiornamento di 144 Hz e pannello TN “IPS-Level”.

La dotazione porte è disposta su tre lati e comprende un connettore Gigabit LAN, un’uscita video HDMI con supporto al 4K 60 Hz, tre USB 3.2 Gen1 tipo A e una USB 3.2 Gen2 tipo C, che può essere sfruttata anche come uscita video DisplayPort. La batteria invece è da 65 Wh e assicura un’autonomia discreta, a patto che non giochiate.

L’MSI GP76 Leopard misura 397x284x25,9 mm e pesa 2,9kg; non è piccolo e non è un peso piuma, ma stiamo pur sempre parlando di un modello con schermo da 17,3″, quindi più grosso e pesante della media. Il notebook riprende il design degli ultimi modelli prodotti dalla casa taiwanese, con linee eleganti e poco appariscenti. Sul coperchio troviamo solo due elementi di spicco: i motivi trapezoidali sopra le cerniere e lo scudetto con il drago MSI, posto in alto. Sui lati e nella parte posteriore, vicino alle porte, trovano posto le griglie d’areazione per il sistema di raffreddamento Cooler Boost 5. Esteticamente il notebook ci piace molto, anche se è doveroso segnalare che il coperchio trattiene molto le ditate.

Schermo e audio

Lo schermo da 17,3 pollici sfrutta il classico pannello IPS-Level di MSI, ossia un TN con colori e neri decisamente migliorati, molto vicini a quelli di un IPS. La frequenza d’aggiornamento di 144 Hz si abbina perfettamente alla RTX 3060 Laptop, che nei titoli competitivi permette di raggiungere questo framerate senza difficoltà.

Durante i nostri test abbiamo deciso di sfruttare anche il colorimetro, effettuando alcune misurazioni con il workflow “Computer Monitor Check” del software Calman, che valuta contrasto, gamma, copertura della gamma cromatica e DeltaE. Il monitor non può essere calibrato, quindi abbiamo eseguito le misurazioni unicamente con le impostazioni di fabbrica.

Durante le prove abbiamo rilevato una copertura dello spazio DCI-P3 del 74,5% valore del tutto simile a quello degli altri schermi di questo tipo. Il test Colorchecker ha registrato un deltaE di 3,72: la riproduzione dei colori è buona, ma non sufficientemente precisa per i professionisti del video editing e del fotoritocco. La luminosità massima si attesta infine poco sopra i 300 nit.

Il comparto audio è affidato a due semplici speaker da 2W, che non riescono a fare molto più di quanto ci potrebbe aspettare. Il volume è elevato e la qualità e nella media della categoria, quindi risultano sufficienti per partecipare a videochiamate o guardare film in streaming, ma niente di più. Se usate le cuffie, il sistema audio Nahimic vi offre alcune interessanti possibilità di personalizzazione che migliorano l’esperienza generale.

Tastiera e touchpad

La tastiera del nuovo MSI GP76 Leopard è progettata in collaborazione con SteelSeries e può essere personalizzata tramite lo SteelSeries Engine 3, che gestisce anche i LED RGB per-key. È ottima per giocare, grazie anche alla presenza del tastierino numerico (facile da integrare visto l’ampio spazio a disposizione), più difficile da usare invece per scrivere: i tasti hanno bisogno di una certa forza di attuazione, decisamente più alta di quella necessaria per la tastiera di un notebook più orientato all’uso da ufficio. Dopo le prime ore vi abituerete, ma scrivere lunghi testi potrebbe portarvi ad avere le mani indolenzite, almeno nei primi periodi.

Il touchpad è leggermente spostato verso sinistra e ha delle dimensioni nella media, non è troppo piccolo e permette di navigare senza troppe difficoltà, anche tramite le gesture multitouch di Windows 10. Flette leggermente in corrispondenza dei due tasti, ma non da mai l’impressione di cedere e offre un buon feedback generale.

Prestazioni

Per valutare le performance della nuova RTX 3060 Laptop all’interno dell’MSI GP76 Leopard, abbiamo testato alcuni giochi di ultima generazione, anche con Ray Tracing e DLSS attivi. Qui sotto vi lasciamo i grafici relativi ai risultati ottenuti.

In rasterizzazione la RTX 3060 Laptop non ha problemi nel gestire qualsiasi gioco a risoluzione Full HD, mantenendosi sopra i 60 FPS nei tripla A più impegnativi (a eccezione di Control) e rimanendo nell’intorno dei 144 FPS nei titoli più leggeri come Doom Eternal e Wolfenstein Youngblood, che beneficiano di un framerate elevato. In Apex Legends, uno dei migliori battle royale del momento, registriamo poco più di 135 FPS; il benchmark che vedete qui è stato effettuato con i dettagli grafici al massimo, ma utilizzando le impostazioni tipiche di questi giochi (dettagli grafici medio bassi, ombre disabilitate, etc.) è possibile mantenere costantemente i 144 FPS.

Anche con Ray Tracing e DLSS attivo (in modalità qualità) la nuova GPU entry level di Nvidia per il mercato notebook si comporta bene, offrendo sempre un framerate più che sufficiente per giocare, anche in giochi estremamente impegnativi da gestire come Control. Metro Exodus e Shadow of the Tomb Raider sono stati testati con DLSS disattivato, ma si tratta di una scelta obbligata: integrano ancora la prima versione della tecnologia e risulta impossibile attivare l’opzione a risoluzione Full HD.

Per mantenere queste prestazioni l’MSI GP76 Leopard ha bisogno di un sistema di raffreddamento adeguato, motivo per cui la casa taiwanese ha deciso di inserire il collaudato Cooler Boost 5: sei heatpipe e due ventole garantiscono un completo controllo sulla temperatura di processore e scheda video, così da avere sempre prestazioni di alto livello senza il timore di incorrere in spiacevoli fenomeni di throttling termico.

Certo la rumorosità non è trascurabile, specialmente durante le sessioni di gioco, ma con un paio di cuffie non sentirete più nulla. E la temperatura? Per effettuare delle misurazioni verosimili abbiamo registrato i valori durante un loop del benchmark di Metro Exodus, così da simulare una sessione di gioco. Il Core i7-10870H sale rapidamente e tocca i 91 gradi, salvo poi ridurre il voltaggio e la frequenza per abbassare la temperatura giusto il tempo necessario per far entrare in azione il sistema di raffreddamento; una volta “a regime”, la CPU si attesta sui 66°C, mentre la RTX 3060 Laptop non supera i 72°C.

Conclusioni

L’MSI GP76 Leopard è un notebook gaming che fa quel che deve: permette di giocare senza compromessi. La RTX 3060 Laptop da 130W garantisce ottime prestazioni ed è perfetta per lo schermo Full HD 144Hz inserito da MSI, grazie anche all’Intel Core i7-10870H; questo processore potrebbe far storcere il naso ad alcuni appassionati in quanto non di ultima generazione, ma vi assicuriamo che ha tutto quello che serve per permettere alla scheda video di dare il meglio di sé in qualsiasi scenario.

La tastiera è ottima per giocare, la corsa dei tasti è giusta e l’illuminazione RGB indipendente su ogni singolo tasto permette un’elevatissima personalizzazione. Come accennato in precedenza non è l’ideale se siete soliti scrivere lunghi testi, ma se avete questa necessità non dovreste orientarvi su un notebook gaming, quanto più su un prodotto dedicato all’uso da ufficio o business, magari con certificazione Intel Evo.

La già ottima esperienza di gioco garantita dall’MSI GP76 Leopard è ulteriormente migliorata dal software Dragon Center, che permette di scegliere tra diversi preset di prestazioni, a seconda che vogliate più potenza o maggior silenziosità. Questa funzionalità torna utile anche quando non state giocando: se ad esempio volete guardare un film in streaming o dovete partecipare a una videoconferenza, potreste selezionare il profilo più silenzioso, così che il rumore delle ventole non interferisca con l’audio in uscita dagli altoparlanti.

Anche se non adatto ai professionisti lo schermo è di buona qualità, offre angoli di visione nella media e, in generale, permette di guardare contenuti multimediali, giocare e portare avanti le attività quotidiane senza difficoltà, grazie anche alle sue dimensioni generose. L’unico punto debole dell’MSI GP76 Leopard è il comparto audio, con gli speaker che, come detto nel paragrafo dedicato, offrono una qualità solo sufficiente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energie rinnovabili: il Pentagono pensa a pannelli solari spaziali

next
Articolo Successivo

OnePlus: tre smartphone e uno smartwatch in arrivo a marzo

next