La professoressa di lettere Marisa Cavanna lascia in eredità 25 milioni di euro a ospedali, onlus, istituzioni e associazioni. Nel suo testamento, tra gli eredi, compaiono infatti 16 enti, di cui molti nella provincia di Genova. Oltre al lascito, prima di morire lo scorso 9 dicembre, l’ex insegnante di 96 anni aveva preparato anche il suo necrologio, in cui ringraziava i medici che l’avevano assistita e tutti gli allievi conosciuti durante la sua lunga carriera, senza dimenticare la donna che negli ultimi mesi di vita l’ha assistita e curata, a cui ha destinato 3,7 milioni di euro. Riservata e molto religiosa, la “signorina Cavanna” come la chiamava un amico, era stata professoressa fino alla pensione.

Nessuno conosce la provenienza del suo ingente patrimonio. La professoressa Cavanna non si era mai sposata e viveva da sola. Del suo patrimonio di 40 milioni di euro, la professoressa ha deciso di destinarne 5 milioni all’ospedale Galliera, insieme anche a una prestigiosa villa. Altri 5 milioni all’ospedale pediatrico Gaslini, così come al Don Orione, che riceve anche tutti gli arredi della villa di Cavanna. Altri 5 milioni vanno all’Associazione italiana per la ricerca sul Cancro. Infine, quasi altri 4 milioni sono poi ripartiti tra: Amnesty International, Amici senza frontiere, Save the Children, Fondazione Don Carlo Gnocchi, Associazione italiana Amici di Roul Follereau, Lega del Filo d’oro, Suore missionarie della carità opera Madre Teresa di Calcutta. E ancora Piccole suore dei poveri, Fondazione Opera S. Francesco dei Poveri, Associazioni Missioni Don Bosco e Opera d’Assistenza “Progetto sorriso nel mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo Dpcm, la bozza: no all’apertura serale di bar e ristoranti, stop a barbieri e parrucchieri in zona rossa, le scuole (per ora) restano aperte

next
Articolo Successivo

Covid a Brescia, il sindaco impone ulteriori restrizioni per il weekend: “Costretti a grande attenzione”. Ecco le limitazioni

next