Un euro, anche solo una cifra simbolica, per comprarsi un’abitazione e quindi per tentare di frenare l’abbandono dei paesi: è questa l’idea che sta alla base dei progetti dei sindaci di alcuni piccoli comuni della penisola. Così le famigerate case in vendita a 1 euro stanno riscuotendo un interesse sempre maggiore, come ha di recente notato il Blog di Immobiliare.it. Da nord a sud, i bandi volti a salvaguardare un patrimonio immobiliare fragile e destinati a coloro che sono interessati a investire in progetti di recupero e di valorizzazione non sono più una rarità.

Tra le Alpi della Valle d’Aosta: le case a 1 euro

Oltre a paesaggi incontaminati, natura e vette alpine, presto la Valle d’Aosta offrirà anche case in vendita a 1 euro. È questa infatti l’intenzione della sindaca di Oyace, che di recente ha dichiarato di volere vendere alcune abitazioni del piccolo borgo a circa 1.400 metri di altitudine. Il progetto è ancora nelle sue fasi iniziali, ma ha già destato l’interesse di molti, sia in Italia sia all’estero.

Le occasioni al sud, i casi di Troina e Biccari

Troina, paesino siciliano a 1.100 metri di altezza all’interno del parco dei monti Nebrodi, è un susseguirsi di strette vie che collegano antiche abitazioni e si aprono su scorci suggestivi. Tanta bellezza però non è stata sufficiente a fermare il richiamo della vicina Enna, che offre più possibilità di lavoro. Ecco quindi perché il sindaco ha deciso di lanciare il progetto delle case a 1 euro per recuperare alcuni degli immobili abbandonati.

Uno scenario analogo è quello offerto da Biccari, comune del Foggiano, il cui centro storico offre dimore da 1 a 15mila euro, in base alle opere di restauro necessarie. Tra torri bizantine e testimonianze medievali, potrebbe essere l’occasione perfetta per chi ama sia il mare sia la montagna.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grandi metropoli vs piccole città: le differenze di prezzo

next
Articolo Successivo

Affitto o acquisto? Così cambia la casa dei sogni

next