di Vincenzo Califano

Sono stato una delle tante vittime della seconda ondata di Covid nell’autunno 2020 e, ancora oggi, faccio i conti con i postumi di una malattia che presenta ancora troppi lati oscuri riguardo alle conseguenze che determina nell’organismo di chi sopravvive. A distanza di un anno ci troviamo a vivere la cosiddetta “terza ondata” che presenta già numerose varianti accertate in grado di vanificare gli sforzi di vaccinare tutta la popolazione, a causa dei tempi lunghi che servono e della penuria dei vaccini disponibili.

Diciamo pure che l’arrivo di Mario Draghi alla guida di un governo le cui sembianze sono quelle di un’armata Brancaleone non rappresenta l’attesa e invocata svolta per uscire dall’emergenza e tornare a una “normalità” che, probabilmente, non sarà più quella di prima. Difesa della salute e della vita insieme alla salvaguardia socio-economica delle comunità rappresentano la sfida con la quale devono confrontarsi i governi nazionali, regionali e locali, perché si tratta di una nuova forma di “terrorismo universale” in grado di produrre ovunque vittime e danni incalcolabili.

Così, mettendo in ginocchio le economie mondiali – che, per sopravvivere a questa e a qualunque altra pandemia, devono essere in grado di trovare una risposta nuova ai fabbisogni generali e particolari scaturiti da questa nuova minaccia per l’umanità – che cosa dovrebbe averci insegnato, fino a oggi, il Covid?

1) Un Paese moderno ha bisogno di un governo centrale della sanità pubblica di cui le Regioni sono i soggetti attuatori, secondo una visione unitaria delle strategie e della disponibilità di personale e mezzi per combattere qualunque forma di pandemia, senza dover trascurare l’ordinaria assistenza sanitaria legata alle centinaia di altre patologie per le quali si soffre e si muore.

2) La ricerca scientifica e le sue applicazioni sanitarie devono essere governate di concerto tra istituzioni pubbliche e private, conservando il primato del pubblico e realizzando un centro nazionale di produzione dei vaccini per soddisfare il fabbisogno italiano.

3) Va riscritto sotto l’egida dello Stato il patto sociale tra mondo dell’impresa e quello del lavoro, secondo una visione di reciproca sussidiarietà, indispensabile per la sopravvivenza socio-economica in qualunque situazione di emergenza, anche non strettamente di natura sanitaria.

4) L’istruzione, a tutti i livelli, rappresenta una priorità da garantire in sicurezza e in continuità, da attuarsi attraverso una rivisitazione complessiva del sistema formativo, facendo tesoro dell’esperienza maturata.

5) Un paese moderno e competitivo deve mettere in sicurezza il proprio territorio e potenziare il sistema dei trasporti per garantire una mobilità efficiente, sicura e sostenibile.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un’offerta volontaria. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘In ufficio non ci torno più’: come affrontare la paura da rientro

next
Articolo Successivo

Il cluster, ovvero come tutti possono ambire a una migliore qualità della vita

next