Altri casi positivi, dopo quelli di Alessandro Buongiorno, Karol Linetty e Nicola Murru. I contagi da coronavirus costringono il Torino a sospendere l’allenamento odierno, come spiega la stessa società in una nota: “In relazione alla situazione contingente, relativa a ulteriori casi di positività al Covid-19, non ancora stabilizzata e in evoluzione, su indicazione dell’Autorità sanitaria locale competente il Torino Football Club comunica che l’allenamento odierno è sospeso in attesa di ulteriori controlli”.

Come si legge, è stata l’Asl a decidere per la massima precauzione, visto il timore di un mini-focolaio nella squadra allenata dal tecnico Davide Nicola. Ora serviranno nuovi controlli e tamponi per confermare i nuovi contagi e capire se emergeranno altre positività. In tal caso, l’anticipo della 24esima giornata di Serie A, in programma venerdì sera alle ore 20.45 contro il Sassuolo, potrebbe essere a rischio.

Il protocollo prevede che per i calciatori non valga la quarantena come per tutti gli altri cittadini e possano giocare finché negativi. Inoltre, ogni club deve presentarsi in campo finché restano almeno 13 calciatori a disposizione. Regole previste per garantire che la Serie A arrivasse a fine campionato. In caso di focolaio in squadra, però, c’è il precedente del Napoli: fu proprio la Asl (formalmente) a impedire la partenza per Torino e lo svolgimento del match contro la Juventus, che infatti deve ancora essere recuperato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gravina, gli obiettivi dopo la rielezione: dalla riforma dei campionati a una legge sugli stadi per sedersi al tavolo del Recovery fund

next
Articolo Successivo

Kitikaka – Franco Ordine, il nuovo ministro della Transizione calcistica (dal salotto di casa)

next