Altri casi positivi, dopo quelli di Alessandro Buongiorno, Karol Linetty e Nicola Murru. I contagi da coronavirus costringono il Torino a sospendere l’allenamento odierno, come spiega la stessa società in una nota: “In relazione alla situazione contingente, relativa a ulteriori casi di positività al Covid-19, non ancora stabilizzata e in evoluzione, su indicazione dell’Autorità sanitaria locale competente il Torino Football Club comunica che l’allenamento odierno è sospeso in attesa di ulteriori controlli”.

Come si legge, è stata l’Asl a decidere per la massima precauzione, visto il timore di un mini-focolaio nella squadra allenata dal tecnico Davide Nicola. Ora serviranno nuovi controlli e tamponi per confermare i nuovi contagi e capire se emergeranno altre positività. In tal caso, l’anticipo della 24esima giornata di Serie A, in programma venerdì sera alle ore 20.45 contro il Sassuolo, potrebbe essere a rischio.

Il protocollo prevede che per i calciatori non valga la quarantena come per tutti gli altri cittadini e possano giocare finché negativi. Inoltre, ogni club deve presentarsi in campo finché restano almeno 13 calciatori a disposizione. Regole previste per garantire che la Serie A arrivasse a fine campionato. In caso di focolaio in squadra, però, c’è il precedente del Napoli: fu proprio la Asl (formalmente) a impedire la partenza per Torino e lo svolgimento del match contro la Juventus, che infatti deve ancora essere recuperato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gravina, gli obiettivi dopo la rielezione: dalla riforma dei campionati a una legge sugli stadi per sedersi al tavolo del Recovery fund

next
Articolo Successivo

Kitikaka – Franco Ordine, il nuovo ministro della Transizione calcistica (dal salotto di casa)

next