Lunga è la lista di questioni su cui Agostino Miozzo, lasciando Palazzo Chigi, dopo una riunione con i ministri Speranza e Gelmini preferisce non rispondere. Dalle proposte delle Regioni di modifica dei 21 parametri a quella di rendere meno rilevante l’indice di contagio (Rt) nella definizione di aperture e chiusure, fino a se ci sarà o meno un portavoce unico del Comitato tecnico-scientifico. Ma alcune cose Miozzo tiene a precisarle. Oltre l’ovvia preoccupazione sulle varianti, se verrà confermato o meno dal governo Draghi ‘il sistema dei colori’, il coordinatore del Cts afferma: “Sono decisioni politiche e se la decisione sarà quello di confermarlo, perché no. Il sistema ha funzionato bene“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metro A bloccata a Roma: “Atto vandalico in una stazione, disguido momentaneo”

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, potrebbe produrli l’Esercito? “Obiettivo possibile per i siti della Difesa. Ci sono capacità e potenzialità”

next