Lunga è la lista di questioni su cui Agostino Miozzo, lasciando Palazzo Chigi, dopo una riunione con i ministri Speranza e Gelmini preferisce non rispondere. Dalle proposte delle Regioni di modifica dei 21 parametri a quella di rendere meno rilevante l’indice di contagio (Rt) nella definizione di aperture e chiusure, fino a se ci sarà o meno un portavoce unico del Comitato tecnico-scientifico. Ma alcune cose Miozzo tiene a precisarle. Oltre l’ovvia preoccupazione sulle varianti, se verrà confermato o meno dal governo Draghi ‘il sistema dei colori’, il coordinatore del Cts afferma: “Sono decisioni politiche e se la decisione sarà quello di confermarlo, perché no. Il sistema ha funzionato bene“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metro A bloccata a Roma: “Atto vandalico in una stazione, disguido momentaneo”

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, potrebbe produrli l’Esercito? “Obiettivo possibile per i siti della Difesa. Ci sono capacità e potenzialità”

next