“Lascio questo mazzo di fiori per il nostro compaesano sardo e per tutti quelli che non sono tornati. Io ho avuto la fortuna di tornare anche grazie alle preghiere di mia madre”. Così Gesuino Paba, sopravvissuto al campo di sterminio di Buchenwald, oggi 96enne. “Oltre a lavorare, negli stabilimenti facevo atti di sabotaggio. Mi hanno condannato a Buchenwald per questo. Non si può credere a quello che succedeva lì dentro, è molto difficile da spiegare. Ho visto la porta della camera a gas aprirsi, ma quando è arrivato il turno di entrare mi hanno preso per il braccio e tolto dalla fila”, racconta ancora commosso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Segre, Modiano, le sorelle Bucci, Bruck: gli ultimi testimoni della Shoah in Italia. Le storie, dalle deportazioni all’impegno con i giovani

next
Articolo Successivo

Bologna, blitz antidroga al Pilastro: arrestati i genitori del ragazzo al quale Salvini citofonò in campagna elettorale

next