Sono ripartiti alle prime luci del giorno le squadre dei soccorritori sul Velino, dove da due giorni sono dispersi 4 escursionisti avezzanesi. In campo anche l’esercito, che ha allestito delle strutture da campo per agevolare i soccorsi. I quattro alpinisti domenica scorsa erano partiti da Massa D’Albe per una escursione sul monte tra Abruzzo e Lazio. La valanga, il forte vento e la presenza di pericolosi accumuli di neve fresca rendono difficoltose le operazioni dei soccorritori.

Le forze in campo sono diverse: Vigili del fuoco, carabinieri, esercito, soccorso alpino, e volontari e personale della protezione civile. Questa mattina erano presenti al campo base delle ricerche, per il coordinamento delle operazioni, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, il direttore dell’Agenzia di Protezione Civile Regionale, Mauro Casinghini, e il dirigente di Protezione Civile, Silvio Liberatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, il punto sulle seconde dosi nelle Regioni: ecco chi ha somministrato più richiami

next
Articolo Successivo

Covid, Vaia (Spallanzani): “Vaccino deve essere bene comune. Va superata la logica del brevetto, i paesi devono essere autosufficienti”

next