La sindaca di Roma Virginia Raggi ha ritirato le deleghe al vicesindaco Luca Bergamo e all’assessore allo Sviluppo economico Carlo Cafarotti. La sindaca dunque ha ripreso le deleghe alla Crescita culturale e Sviluppo economico, Turismo e Lavoro. “Mi preme sottolineare che la mia decisione non è legata ad alcuna incomprensione né a dissapori nei suoi confronti”, ha commentato la sindaca Raggi. Tuttavia,”ci sono diversità di visioni politiche per il futuro di Roma. Ne abbiamo discusso di recente senza riuscire a trovare una sintesi“, osserva Raggi.

La sindaca ha ringraziato Bergamo per il lavoro svolto da vicesindaco e da assessore alla Crescita culturale del Comune capitolino. “Grazie al suo impegno al servizio della città sono state realizzate delle vere rivoluzioni nel modo di fare cultura a Roma, che hanno influenzato il dibattito italiano e internazionale, con il solo obiettivo di garantire la massima accessibilità e partecipazione dei cittadini alla vita culturale della propria città”.

“Allo stesso modo, ringrazio Carlo Cafarotti per il contributo all’azione amministrativa realizzato nel corso di questi anni. Abbiamo portato avanti insieme – conclude – progetti importanti per la città come il rilancio del settore turistico attraverso il Convention Bureau e FutouRoma e la riorganizzazione dei mercati rionali“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, ecco il nuovo statuto: al posto del capo politico un comitato direttivo di 5 membri per 3 anni. Convocati gli iscritti per il voto finale

next
Articolo Successivo

Lombardia, Fontana: “Attendiamo notizie da Roma per il passaggio in zona arancione. Contesto false notizie su errori nei dati”

next