“Parliamo in questi giorni tanto di Coronavirus: c’è un virus forse peggiore, rimane il virus della mafia”, così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la replica in Senato dopo la discussione sulla crisi di governo. Il premier nel discorso ha inserito anche un passaggio sulla difesa della legalità, definendola “ragione ontologica del governo”. “È nel nostro dna – ha aggiunto – È una deliberata strategia di azione, sarà sempre così finché il governo sarà qui”. Poi Conte ha voluto ricordare un compleanno importante: “Il 19 gennaio è il giorno della nascita di un grande personaggio che non voleva fare l’eroe, Paolo Borsellino, nacque 81 anni fa”. Dopo il ricordo l’Aula ha tributato un lungo applauso al giudice: tutti i senatori si sono alzati in piedi. Infine Conte ha voluto anche citare Borsellino, riportando una delle sue celebri frasi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Va’ a lavurà’ o niente vaccino: la continua vergogna dell’autonomia differenziata

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, Conte: “Abbiamo erogato meno ristori tra tutti i Paesi Ue? Falso, il nostro è stato uno degli interventi più massicci” – Video

next