Alex Zanardi è tornato a comunicare. A dare la notizia è Federica Alemanno, neuropsicologa dell’ospedale San Raffaele di Milano. Qui il campione era stato trasferito dopo l’incidente del 19 giugno 2020, quando si schiantò contro un tir durante una gara di handbike. Come riporta il Corriere della Sera, Alemanno, 36 anni, è responsabile del Servizio di Neuropsicologia e professoressa alla facoltà di Psicologia dell’Università Vita e Salute. “È stata una grande emozione quando ha iniziato a comunicare, nessuno ci credeva. Lui c’era! E ha comunicato con la sua famiglia”, ha detto Alemanno. Dopo la notizia, la moglie di Zanardi, Daniela Manni, ha scelto di rispondere a qualche domanda su La Stampa per chiarire le condizioni di salute del marito.

“Lui fa delle cose, ma non sempre – ha detto Manni – Ci sono stati dei momenti in cui quelle cose effettivamente venivano fatte. Ci sono stati dei passi avanti, e ci sono stati dei passi indietro. Il suo è un percorso molto lungo”, ha detto Manni. Zanardi sembra riconoscere le persone che gli stanno vicine e riesce a comunicare a gesti con loro. “Molti mi chiedono delle sue condizioni, è un amore commuovente. Ma io non posso ritrovarmi i giornalisti sotto casa, non posso parlare con tutti. Devo concentrarmi sulle cure, giorno per giorno”, ha detto Manni. Dopo l’incidente dello scorso giugno Alex Zanardi era stato ricoverato in terapia intensiva a Siena e poi trasferito al San Raffaele di Milano: dal 21 novembre è stato trasferito a Padova. In questi mesi ha subito cinque operazioni chirurgiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barcellona, ecco perché Messi non è l’unica incertezza. I danni del Covid e il rischio default: gli scenari per il futuro

next