Nuovo trasferimento per Alex Zanardi, ancora ricoverato dopo il grave incidente del 19 giugno scorso vicino a Siena a bordo della sua handbike. Il campione è stato trasportato dall’ospedale San Raffaele di Milano, dove si trovava dal 24 luglio, all’ospedale di Padova. Lo ha comunicato la struttura milanese con una nota: “Alex Zanardi è stato trasferito oggi all’ospedale di Padova – si legge – Il paziente ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare”, precisano i medici.

Il campione paralimpico, vittima di un grave incidente stradale il 19 giugno, era arrivato all’ospedale milanese il 24 luglio scorso, “in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica – ricorda la nota – Ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi un percorso chirurgico, in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica“. Ma negli ultimi due mesi ha svolto un percorso di riabilitazione insieme agli esperti della struttura che, oggi, gli ha permesso di affrontare questo nuovo trasferimento: “Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva – concludono i medici – Ad Alex e alla sua famiglia tutto l’ospedale augura un futuro di progressivo miglioramento clinico”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emergenza abitativa, corteo tra le strade di Roma contro il governo: “Non possiamo stare a casa se una casa non l’abbiamo”

next
Articolo Successivo

Covid, i Nas oscurano altri 20 siti web che vendevano medicinali non autorizzati dall’Aifa per curare il virus

next