Da discoclub a minimarket di quartiere. È questa la trasformazione che in poco più di sei mesi è avvenuta in questo piccolo locale di Torino. Dove c’era la consolle oggi c’è un banco frigo. Al posto delle bottiglie di superalcolici ci sono le confezioni di cotechino e lenticchie. “Non mi è mai piaciuto piangermi addosso”, racconta il gestore Marco Cassarà. Il 23 febbraio aveva coronato il suo sogno inaugurando il “Diabolik Disco Club”. Aveva investito oltre 30mila euro per rimettere a posto lo spazio che prima ospitava una sala slot. “Abbiamo fatto in tempo a fare due serate e poi è arrivato il lockdown – spiega Cassarà che oltre a gestire il locale lavora anche come corriere – e quando ho capito che saremmo stati gli ultimi a riaprire ho avviato le pratiche per trasformarci in un minimarket”. Una trasformazione che è stata accolta bene dal quartiere e che potrebbe diventare definitiva: “Se poi andrà talmente bene che mi darà l’occasione di aprire un club, lo farò”, conclude il trentenne torinese. “Da questa esperienza ho capito che nella vita non serve piangersi addosso e dare la colpa a qualcuno, ma bisogna andare avanti. A me questa forza è arrivata anche da mia figlia che è nata proprio in quel periodo”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Natale, l’Italia torna arancione per tre giorni: cosa si può fare oggi 28 dicembre. Negozi aperti e meno divieti agli spostamenti

next
Articolo Successivo

Milano, la città si risveglia sotto la neve: scatta il piano d’emergenza – Video

next