“Il vaccino è un miracolo della scienza e dimostra che quando c’è unità di intenti nello stanziare fondi per la ricerca si possono avere risultati straordinari”. Il professor Raffaele Bruno è uno dei primi medici che oggi riceveranno il vaccino anti Covid. Dirige il reparto di Malattie Infettive al Policlinico San Matteo di Pavia e insieme alla sua equipe a febbraio ha curato il “cosiddetto paziente uno”. “Se mi avessero detto in quei giorni che a dicembre sarebbe stato disponibile un vaccino non ci avrei creduto – racconta ripensando ai momenti più duri della prima ondata – oggi mi vaccino perché è un dovere deontologico. Non è un problema di sanità individuale, ma di sanità pubblica: se io sono protetto proteggo anche gli altri”. Secondo il professore i vaccini in generale hanno portato vantaggi per la salute pubblica “paragonabili a quelli dell’acqua potabile”, ma al tempo stesso fino a quando non ci sarà una vaccinazione di massa “non bisogna abbassare la guardia”. E se gli si chiede quale sia stata una delle lezioni della pandemia non ha dubbi: “L’importanza della ricerca. Noi siamo un Paese che purtroppo investe poco in ricerca. Ma nonostante ciò siamo tra quelli che produciamo di più perché abbiamo ricercatori di grandissima qualità. Se solo avessero la possibilità di avere più supporto, l’Italia potrebbe diventare davvero leader nel mondo della ricerca”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

V-day, il primo giorno di vaccinazioni da Milano a Roma. Scoppia il caso De Luca. Conte: “Data che resterà impressa”

next
Articolo Successivo

Veneto, l’appalto per le mense in ospedale va di nuovo al gruppo di Mario Puntin. Consiglio di Stato e Anac avevano bocciato la prima gara

next