“Le prime dosi del vaccino anti-covid sono arrivate a Roma, allo Spallanzani. È un messaggio di fiducia che si irradia in Italia e in Europa”. Mancano poche ore all’inizio della somministrazione delle dosi in tutta Europa e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha voluto ringraziare chi sarà impegnato in prima linea nel nostro Paese. “Grazie al ministro Speranza”, ha scritto su Twitter, “alla struttura commissariale di Arcuri, alle forze armate e a tutti gli operatori sanitari che ci consentiranno di realizzare una campagna di vaccinazioni senza precedenti”. In mattinata aveva parlato anche la presidente della commissione Ue Ursula Von der Leyen: “Stiamo iniziando a voltare pagina in un anno difficile. Il vaccino è stato consegnato. La vaccinazione inizierà domani nell’Ue. Le Giornate europee della vaccinazione sono un toccante momento di unità. La vaccinazione è la chiave per uscire dalla pandemia“.

Tra il giorno di Natale e Santo Stefano, infatti, decine di camion sono partiti dallo stabilimento Pfizer di Puurs, in Belgio, per raggiungere i 27 Stati membri dell’Unione. Le 19.500 dosi destinate alla Francia sono arrivate poco prima delle 7 del mattino a Parigi. Le prime iniezioni, riferisce l’Assistance publique-Hôpitaux della Capitale, avverranno in due residenze per anziani, a Sevran e Digione. 9.750 le dosi destinate alla Croazia e all’Ungheria, che basteranno “per vaccinare 4.875 operatori sanitari in prima linea nella lotta”, al Covid, ha annunciato via Twitter il portavoce del premier Viktor Orban, Zoltan Kovacs. Proprio Orban ha deciso di non aspettare il 27 per far partire le vaccinazioni, come concordato con gli altri Paesi Ue, ma ha iniziato già il 26 dicembre con le prime somministrazioni.

Lo stesso numero di dosi è arrivato in Italia il giorno di Natale: il camion di Pfizer ha oltrepassato il Brennero e si è avviato per Roma, scortato lungo il tragitto dalle volanti dei carabinieri. Il carico è stato conservato nella notte nella caserma Tor di Quinto e in tarda mattinata è arrivato all’ospedale Spallanzani. Qui le fiale verranno divise in vari contenitori da destinare alle Regioni. In questa prima fase, per la distribuzione su tutto il territorio nazionale verranno coinvolte le Forze armate: per l’operazione Eos, prevista tra oggi e domani, scenderanno in campo 5 aerei militari e 60 autoveicoli, gli stessi che sono stati impiegati a Bergamo nella fase più dura della pandemia. “La Difesa sta facendo un grande lavoro in questi giorni di festa e così, domani, l’Italia insieme agli altri Paesi europei inizierà a somministrare i primi vaccini”, ha dichiarato il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo. “È un forte segnale di speranza per tutti”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale, 94enne solo in casa chiama i carabinieri: “Mandate un militare per un brindisi, 10 minuti…”. Il gesto dell’Arma è commovente – Audio

next
Articolo Successivo

Napoli, in 15 festeggiano il Natale in un bar: interviene la polizia, multe al titolare e ai presenti

next