È morto il giorno di Natale a Mondovì (Cuneo), dopo essere stato colpito dal Covid, monsignor Bartolomeo Bessone, 72 anni. Ex rettore del Santuario di Vicoforte, situato nel comune piemontese e dedicato alla Natività di Maria, nel 2017 aveva accolto il rientro in Italia delle salme di re Vittorio Emanuele III e della regina Elena, traslate rispettivamente da Alessandria d’Egitto e da Montpellier. Don Bessone aveva avuto un ruolo anche nelle trattative che poi hanno portato all’operazione, avvenuta sotto l’egida del Quirinale, tra le polemiche di Anpi e centrosinistra. Sempre lui ha accettato l’insediamento delle tombe dei reali dei Savoia in una delle cappelle della cattedrale.

Originario di Chiusa Pesio, in provincia di Cuneo, monsignor Bessone nacque il 6 giugno 1948 e fu ordinato sacerdote il 2 luglio 1972. Come riporta Repubblica, fu rettore del seminario e poi parroco di Mondovì fino al 2002. Tra il 1987 e il 2002 è stato anche presidente della scuola dell’infanzia San Domenico. Conosciuto come “Don Meo” è morto intorno alle 12 del giorno di Natale, all’ospedale di Mondovì, dove era ricoverato in terapia intensiva dopo aver contratto il coronavirus. La messa sarà officiata martedì 29 dicembre a Dogliani (Cuneo) nella parrocchia Ss.Quirico e Paolo.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Fabio Artesi, il fotoreporter torinese muore a 56 anni. Era ricoverato da novembre per coronavirus

next