Il solstizio d’inverno, il giorno più corto dell’anno, mai come quest’anno ha tenuto il mondo con il naso all’insù. La storica congiunzione tra Giove e Saturno, infatti, si è verificata di nuovo dopo circa 4 secoli, cioè dal 1623 quando Galileo e Keplero erano ancora in vita. Molteplici i video pubblicati in rete, molti dei quali in timelapse, a testimoniare il lungo “abbraccio” tra i due giganti gassosi. Sarebbe stata proprio la congiuntura dei due pianeti, secondo i vangeli, a guidare i Re Magi verso Betlemme, rappresentando quindi la nota stella cometa.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il vaccino anti Covid di Pfizer-Biontech ha un nome. E ora l’azienda tedesca cerca altri partner per aumentare la produzione

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, il via libera di Aifa: “Non ci sono controindicazioni, ma solo cautele. Anche a immunodepressi o donne in gravidanza”

next