Uno dei nodi rimasti irrisolti dopo l’approvazione del decreto sul Natale e segnalato da molti cittadini era quello delle seconde case, ma ora è arrivata la precisazione di Palazzo Chigi: dal 24 dicembre al 6 gennaio sarà sempre possibile andarci, a patto che la propria abitazione non si trovi fuori Regione. Fonti di governo fanno però sapere che, viste le altre regole previste per le feste, sono massimo due le persone di uno stesso nucleo familiare a cui sarà permesso spostarsi (nel computo non rientrano minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti). Ovviamente sarà sempre consentito il rientro nella propria abitazione, domicilio o residenza.

Secondo quanto stabilito dal precedente decreto, però, cioè quello del 4 dicembre (che resta in vigore), da lunedì 21 dicembre fino al 6 gennaio è vietato raggiungere le seconde case se queste si trovano in un’altra Regione rispetto a quella di residenza. “Rilevo non poca confusione e ho chiesto al ministro Boccia di evidenziare meglio i dettagli e i ‘colori’ dei giorni nei quali sono consentiti o vietati gli spostamenti”, ha affermato Marco Bussone, presidente dell’Uncem, (Unione nazionale comuni comunità enti montani), annunciando di avere sollecitato al governo le Faq relative al decreto legge di Natale.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Collegi elettorali, approvata in via definitiva la riforma: ora si può tornare a votare. Cosa cambia dopo il taglio dei parlamentari

next
Articolo Successivo

L’ironia di De Luca: “Non uscite sennò incontrate Salvini. Restrizioni di Natale? Non ci ho capito nulla, qui ci protegge la Madonna di Pompei”

next